• privacy problema
    Blog

    La privacy non è un problema (e se lo è, non ha soluzione)

    Parlare di privacy oggi è un po’ come parlare dello spread o del buco dell’ozono: è uno di quei concetti arcani, che sappiamo riguardarci da vicino, ma di cui, in realtà, non conosciamo granché. A differenza di spread e buco dell’ozono, però, sulla questione privacy le nostre azioni e le nostre responsabilità assumono un ruolo ben più significativo: siamo noi a gestirla. Ma è davvero così? Abbiamo un effettivo potere di controllo sui nostri dati personali? E cosa intendiamo, esattamente, quando lamentiamo che “loro” sanno anche quante volte andiamo in bagno? Chi è il nemico, lo stato? I cinesi? La CIA? Google? Noi stessi? LEGGI ANCHE: Web e idiocrazia: il…

  • frasi fatte stupide
    Blog

    Frasi fatte stupide: quando la parola precede il pensiero

    Tutti noi utilizziamo delle frasi fatte. Talvolta è perché non sappiamo esattamente cosa dire, talaltra non abbiamo neppure voglia di riflettere su cosa dire, altre ancora semplicemente non siamo sintonizzati empaticamente con il nostro interlocutore. In ogni caso, utilizzando modi di dire consunti e privi di una riflessione che li legittimi, non facciamo altro che inquinare la nostra rete di comunicazione. Può accadere che non ci si renda neppure conto di quanta importanza il nostro compagno di conversazione stia riconoscendo a un interscambio che noi trattiamo con superficialità, ma siamo tutti decisamente attenti a notare quando la medesima condotta viene assunta dagli altri nei nostri riguardi. Da una parte, è…

  • comunicazione disfunzionale
    Blog

    Gestire la comunicazione disfunzionale: come non farsi la guerra (e stare tutti meglio)

    “Il fallimento di una relazione è quasi sempre un fallimento di comunicazione” scrisse il grande sociologo polacco Zygmunt Bauman, scomparso nel gennaio del 2017. Credo che quando parliamo di ‘relazione’ non si debba necessariamente immaginare una relazione di tipo sentimentale, come facilmente saremmo indotti a pensare. Tutti noi viviamo relazioni – e fallimenti di relazioni – quotidianamente, o quasi; discutiamo con qualcuno e poi, congedandoci, magari infastiditi, non possiamo a fare a meno di riflettere su quanto poco il nostro interlocutore abbia capito di ciò che stavamo provando a esprimere.

  • fallacia logica
    Blog

    Fallacia logica: i ragionamenti mal posti che ci ingannano (ogni giorno)

    Siamo davvero padroni dei nostri processi mentali? Siamo realmente in grado di seguire un percorso logico durante un dibattito o un ragionamento che facciamo in solitudine? In effetti, a ben guardare, non è sempre così semplice riuscire a mantenere il focus su una linea di pensiero coerente, soprattutto quando ci ritroviamo a interloquire con persone che, consapevolmente o in modo del tutto ignaro, adottano un approccio alla riflessione ‘sporcato’ da errori di fallacia logica.

  • Bibbiano disinformazione
    Blog

    Caso Bibbiano: l’eccellenza della disinformazione strategica

    Premessa, doverosa: qui non si tratterà di politica. Il focus della trattazione sarà quello della comunicazione e dei suoi utilizzi. In particolare, proverò ad analizzare il fatto di cronaca che ormai da un mese tiene banco nel web, ovvero quello relativo ai fattacci di Bibbiano e dell’inchiesta ‘Angeli e Demoni, ormai nota a chiunque non abbia vissuto sulla Luna nelle ultime settimane.

  • diritto di parola e web
    Blog

    Web e idiocrazia: il diritto di parola ha ancora un senso?

    L’argomento non è certo dei più semplici da trattare, ma è anche tra i più emergenti: oggi parliamo degli idioti. Mark Twain disse “Non discutere mai con un idiota: ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza”. Arthur Bloch – l’autore dei libri sulla Legge di Murphy – parafrasandolo, corresse: “Non discutere mai con un idiota: la gente potrebbe non notare la differenza”. Oggi, però, non è facile mantenersi estranei all’idiozia di cui questo mondo è permeata e imbevuta e che si esalta e accresce esponenzialmente tramite i social network, il simbolo per eccellenza del potere dal basso. Grazie Zuckerberg.

  • Immagine copertina Facebook Salvini, Di Maio e Zingaretti a confronto
    Blog

    Salvini, Di Maio e Zingaretti: cosa rivelano le loro foto profilo su Facebook

    Se da un punto di vista politico si discute ancora se oggi siamo o meno entrati nella Terza Repubblica, sicuramente c’è poco da discutere sul fatto che, dal punto di vista della comunicazione, siamo entrati nell’era della Politica 3.0. Oggi, il consenso elettorale passa anche e sempre più attraverso i social network, la media strategy, la spettacolarizzazione. Il che, inevitabilmente, si traduce anche in un nuovo modo di guardare al personal branding dei personaggi pubblici, noti e meno noti, del mondo della politica. Ognuno, va detto, configura il proprio brand a modo suo. Tutto potremmo rimproverare ai nostri politici – e così ci piace fare – meno che la mancanza…

  • Vinci Salvini geniale o assurdo
    Blog

    Vinci Salvini: colpo di genio o perdita di buonsenso?

    A metà strada tra una nuova puntata di Black Mirror e un improbabile sequel di Idiocracy, il Vinci Salvini varca una nuova frontiera della comunicazione digitale. Mai nessun politico in Italia aveva dimostrato una tale disinvoltura nell’approcciarsi al web e ai social network. Ma procediamo con ordine, che cos’è il Vinci Salvini? Si tratta di una nuova trovata pubblicitaria ideata dai comunicatori della Lega, partito politico che, insieme al MoVimento 5 Stelle, governa al momento questo Paese. In pratica, come spiegato dallo stesso leader del Carroccio e Ministro dell’Interno Matteo Salvini in un video (quello postato qui), si tratta di un vero e proprio concorso a premi rivolto ai social fan del politico; gli utenti…

  • Instagram specchio della società
    Blog

    Instagram è lo specchio della società di oggi: visiva e povera di riflessioni profonde

    Dal titolo può sembrare un pezzo un po’ bacchettone, dal classico sapore “le nuove generazioni non hanno valori, ai miei tempi invece bla bla bla…“. In realtà, vorrei solo proporre alcune riflessioni che non coinvolgono esclusivamente Instagram e il suo rapporto con gli utenti. Partendo da Instagram, vorrei soffermarmi sulle dinamiche di comunicazione trans-mediale che oggi marginalizzano sempre di più l’uso della parola, in favore di un modello che pone il visivo e il veloce al centro de proprio lessico. Il quesito di fondo, mai del tutto manifesto, che fa da filo rosso alla trattazione sarà: stiamo diventando più stupidi? In principio fu la parola… Ci fu il tempo delle…

  • Le caratteristiche del copywriter
    Blog

    Il copywriting è la strada che fa per te? Bella domanda…

    Questa non è una guida alla professione del copywriter, non è un vademecum, l’articolo non presenta consigli tecnici né elenchi di come chi fa questo mestiere dovrebbe essere o a cosa dovrebbe essere appassionato. Hai presente le cose del tipo “Un copywriter ama le nuove tecnologie, anela sperimentare, brama studiare costantemente, va a messa la domenica e si rifà il letto ogni mattina”?